Rudolf Steiner e la durata dell'allattamento

Pubblicato: Lunedì, 17 Dicembre 2018

L'argomento "Rudolf Steiner e la durata dell'allattamento" mi sta a cuore, perché da molto tempo gli asili di indirizzo steineriano sono spesso piuttosto rigidi per quanto riguarda la durata dell'allattamento, e a volte impongono alle madri di interrompere l'allattamento a nove mesi (o talvolta cinque, oppure sei), sostenendo che Steiner abbia espresso ferma opposizione ad allattare oltre questa età. Ma è davvero così?

Questa rigidezza contrasta curiosamente con l'impostazione generale della pedagogia steineriana, di solito molto rispettosa dei bisogni del bambino. Sono molti anni che le consulenti in allattamento chiedono di capire meglio l'origine di questa affermazione, ma citazioni dal corpus smisurato delle sue opere (circa 350 volumi) che avvallassero questa opposizione non sono mai venute fuori. In realtà Steiner parla piuttosto spesso del latte materno, ma non cita mai, che io sappia, limiti temporali al riguardo.

Recentemente ho però proprio trovato una frase di Steiner che fa capire chiaramente come il limite temporale di nove mesi, spesso invocato dai suoi seguaci, fosse da lui assolutamente NON condiviso. In una conferenza tenuta a Berlino il 28 Febbraio 1907, pubblicata nel volume Die Erkenntnis des Übersinnlichen in unserer Zeit und deren Bedeutung für das heutige Leben (volume 55 della Gesamte Ausgabe), Steiner dice:

Bei der Ernährungsfrage tritt ein innerlicher Zusammenhang hervor zwischen der Muttermilch und dem Kinde, der sich dadurch ausdrückt, daß in den ersten Lebensjahren geradezu ein geistiges Verhältnis zwischen der Mutter und dem Kinde besteht; und eine Mutter, die ihr Kind selbst nährt, beachtet das. In der Muttermilch ist nicht bloß das, was physisch und chemisch ist, es ist etwas, was geistig verwandt ist mit dem Kinde.

cioè

Per quel che riguarda l'alimentazione, è necessario comprendere che esiste un legame intimo tra il latte materno e il bambino, mediante cui specialmente durante i primi anni di vita si esprime una relazione spirituale tra una mamma e il suo bambino; e la mamma che allatta il suo bambino se ne rende conto. Il latte materno contiene ben più delle sue componenti fisiche e chimiche, ed è un qualcosa che è legato spiritualmente con il bambino [l'evidenziazione in grassetto è mia].

Chiunque può controllare la citazione originale cliccando sul link arancione qui sopra per trovare il libro originale riprodotto anastaticamente, ivi cercare la conferenza Der Lebenslauf des Menschen vom Geisteswissenschaftlichen Standpunkte e a pagina 9 della conferenza (ovvero a pagina 165 del libro) troverà la frase che ho citato.

Steiner quindi, quando parla dell'importanza dell'allattamento, giustamente non le dà un termine temporale predefinito, ma ne parla come di una cosa che è normale valga per anni (al plurale). Sono stati i seguaci di Steiner in epoche successive a porre un limite di nove mesi all'allattamento, probabilmente proiettando in senso normativo delle esperienze individuali o personali.

Tra l'altro, non che sia così rilevante, ma si dice anche che Steiner sia stato allattato fino a quattro anni. Io non sono riuscita a trovare nessuna citazione originale al riguardo, né in Mein Lebensgang, né in altri frammenti autobiografici editi o disponibili online. Tuttavia, secondo una recente comunicazione personale di Risë Smythe-Freed, ex-presidente della Anthroposophical Nurses Association of America, e ora in pensione, tale notizia è contenuta in manoscritti inediti conservati nell'archivio del Goetheanum, e purtroppo non facilmente accessibili. Ciò le era stato riferito molti anni fa da due traduttori che avevano avuto accesso a quei documenti, e in seguito ne aveva ricevuto conferma da Fred Paddock, che all'epoca lavorava nella Rudolf Steiner Library. Che Steiner sia stato allattato fino a quattro anni non è comunque neppure sorprendente, essendo cosa abbastanza consueta nell'Europa della seconda metà dell'ottocento.

In conclusione, anche senza volere entrare nelle teorie con le quali Steiner motiva l'importanza dell'allattamento nei primi anni di vita del bambino, mi sembra che quando un asilo steineriano fa pressioni su una mamma per smettere di allattare a nove mesi, non rispetti l'esplicito pensiero di Steiner stesso.

Riferimenti

Die Erkenntnis des Übersinnlichen in unserer Zeit und deren Bedeutung für das heutige Leben (volume 55 della Gesamte Ausgabe)

Le informazioni contenute in questo sito sono basate su evidenze scientifiche e accurate al meglio delle mie conoscenze, ma le situazioni individuali possono variare e le eccezioni sono sempre possibili, per questo in caso di dubbio è bene chiedere una consulenza personaleInoltre non intendono in alcun modo sostituire parere medico.